Si tratta di un secondo diffuso nell’italia centrale, sopratutto nel Lazio.
Questa variante alla classica ricetta non prevede l’aggiunta del pomodoro.

Tempo di preparazione: 30 min.

Per 2 persone:

  • 500 gr. di seppie, anche surgelate
  • 500 gr. di piselli (mi piacciono molto le verdure)
  • 3 o 4 mestoli di brodo vegetale
  • 1 cipolla bianca media
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1/2 bicchiere da tavola di vino bianco
  • Pepe nero macinato al momento
  • prezzemolo tritato q.b.
  • sale q.b.

Pulite le seppie, lavatele e tagliatele a listarelle. Se avete delle seppie surgelate vanno bene lo stesso e sono già pulite e tagliate.
Tritate finemente la cipolla e fatela dorare a fuoco lento in una padella.

Soffritto per seppie con piselli 01

Nel frattempo fate scaldare il brodo e preparate i piselli.
Unite le seppie al soffritto quando è ben dorato, quindi alzate la fiamma e dopo 1 minuto circa (di più se le seppie sono surgelate) aggiungete il vino bianco.
Una volta evaporato il vino aggiungete 2 o 3 mestoli di brodo e quando riprende il bollore coprite la padella e abbassate la fiamma.
Il tempo di cottura è di circa 15/20 minuti per le seppie surgelate e di una mezz’oretta abbondante per quelle fresche.
Durante la cottura controllate che il fondo non si asciughi troppo e nel caso aggiungete ancora un po’ di brodo.

Seppie e Piselli 02

A metà cottura circa aggiungete i piselli tenendo presente anche in questo caso che se si tratta di piselli surgelati cuociono in 5 massimo 10 minuti mentre se sono freschi necessitano di più tempo. Prima di richiudere il tegame aggiungete un pizzico di sale e una macinata di pepe nero fresco, mescolate e coprite di nuovo.
Quando sia le seppie che i piselli sono cotti, prima di spegnere il fuoco controllate che il fondo non sia troppo liquido. Nel caso fate andare per altri 2 o 3 minuti a fiamma viva scoperchiando la padella.
Aggiustate di sale e pepe nero, spegnete il fuoco, aggiungete il prezzemolo e servite in tavola.