Share on Google+Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on Twitter

Con il termine bagnomaria si può indicare sia il metodo di cottura che la pentola atta a questo tipo di cottura.

La cottura a bagnomaria consiste nel riscaldare o cuocere qualcosa mettendo un contenitore con dentro quello che si vuol far cuocere o riscaldare, in un altro recipiente messo sul fuoco e riempito d’acqua bollente.

Si usa in particolar modo per i cibi più delicati che non possono essere scaldati direttamente perchè non sopportano temperature elevate.
Per esempio, sciogliere la cioccolata, scaldare il latte, sciogliere le glasse, non far rapprendere i cibi che contengono uova o panna etc. Con questo tipo di cottura la temperatura non supera mai i 100° C e le sostanze non si alterano.

Nell’immagine sotto la cottura a Bagnomaria usata per sciogliere del cioccolato.