Share on Google+Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on Twitter

Il gattò di patate è uno sformato tipico delle cucine napoletana e siciliana e diffuso sopratutto nelle regioni meridionali.
Data la pesantezza, questa pietanza viene spesso servita come piatto unico.

Tempo di preparazione: 70 min

Per 4 persone:

  • 500 gr. di patate a pasta gialla
  • 2 uova
  • 1 bicchiere di latte
  • 50 gr. di burro
  • formaggio grattugiato (pecorino e parmigiano)
  • 100 gr. di mozzarella tagliata a pezzetti
  • 50 gr. di provola affumicata
  • 100 gr. di scamorza fresca
  • 100 gr. di prosciutto tagliato a cubetti
  • olio d’oliva
  • pangrattato
  • sale

Per prima cosa è necessario lessare le patate facendole cuocere per 30 o più minuti a seconda della dimensione.

Appena le patate sono cotte bisogna pelarle e tagliarle a pezzettini, quindi passarle con lo schiacciapatate e metterle in una ciotola.

Aggiungete il burro e mescolate finchè non si scioglie, quindi aggiungete le uova sbattute, il latte, una parte del formaggio grattugiato, il sale, pepe e olio. Successivamente aggiungete una parte del prosciutto, della scamorza e della provola affumicata tagliate a pezzetti e amalgamare il composto.

Imburrate una teglia da forno e cospargetela di pangrattato.
Fate uno strato con il composto di patate, sopra versate la mozzarella a pezzetti e il resto di prosciutto, provola e scamorza, quindi versate il resto del composto di patate.

Spolverate con pangrattato e il rimante formaggio grattugiato e infornate nel forno preriscaldato a 180°.

Dopo 35/40 minuti, se la crosta sarà ben dorata, è possibile spegnere il forno e fare raffreddare prima di servire in tavola.