Share on Google+Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on Twitter

Avete in casa una macchina per fare la pasta e non l’avete mai usata per paura che sia troppo complicato? Oppure non avete mai preso in considerazione di comprarne una per lo stesso motivo?
Se è questo il vostro caso sappiate che vi sbagliate di grosso, farsi la pasta in casa non è affatto difficile. Un’oretta del vostro tempo e potrete gustarvi un bel piatto di tagliatelle fresche in burro e salvia o degli spaghetti alla chitarra con un buon ragù alla bolognese.

Tempo di preparazione: 60/80 min

Per 8 e più porzioni:

  • 500 gr. farina
  • 5 o 6 uova (a seconda dell’umidità della farina)
  • farina q.b. per lavorare l’impasto

La macchina per fare la pasta.
Le foto in questo articolo sono di una classica Imperia (avendo scattato la foto durante la lavorazione si nota la farina caduta).

tagliatelle-fatte-in-casa-01-macchina

Per prima cosa occorre fissare la macchina ad un ripiano con il morsetto fornito.
Questa Imperia ha 3 buchi in cui bisogna inserire l’apposita manovella:

  1. Rullo
  2. Tagliatelle
  3. Spaghetti alla chitarra

Il rullo è regolabile a vari spessori con un apposito regolatore.
Io generalmente uso il più grosso per la prima passata e il terzultimo o il penultimo spessore più sottile per la seconda passata.

Ecco come fare le Tagliatelle fresche all’uovo.

Su una spianatoia setacciate la farina facendo una “montagnola”. In mezzo create un cratere e aggiungeteci le uova sbattute poco alla volta, fino a completo assorbimento.
Continuate ad impastare fino ad ottenere un composto liscio, quindi lasciate riposare una mezz’oretta.

Dividete l’impasto in 5 o più parti e passatele una alla volta nella farina per non farle appiccicare al rullo della macchina per fare la pasta.
Inserite quindi le parti di impasto nel rullo, regolato sullo spessore più grosso.
Per ottenere una sfoglia liscia occore ripassare ogni parte d’impasto 2 o 3 volte.
Prima di ogni ripassata, piegate la sfoglia su se stessa in 2 o 3 parti in base a quanto è venuta lunga.

tagliatelle-fatte-in-casa-02

Una volta passato tutto l’impasto per più volte sullo spessore più grosso, occorre rifare tutto daccapo, questa volta regolando la macchina sulla penultima o terzultima posizione fra quelle più sottili (in questo caso passate la pasta una sola volta e non più volte come in precedenza).

Nella foto sotto si nota la differenza di spessore della pasta: la n° 1 è stata passata nel rullo regolato sullo spessore massimo, la n° 2 è stata ripassata nel rullo sulla terzultima posizione.

tagliatelle-fatte-in-casa-03

Tagliate le sfoglie alla lunghezza desiderata, spostate la manovella sul buco delle tagliatelle e passate una sfoglia alla volta per ottenere la pasta.

tagliatelle-fatte-in-casa-04

A questo punto versate ancora una spolverata di farina sulla pasta ottenuta per non farla appiccicare e mettetela da parte o buttatela in pentola.

tagliatelle-fatte-in-casa-05

Per conservarla in frigo più a lungo (tiene per 3 o 4 giorni), è meglio lasciarla riposare per qualche ora in modo che si secchi (vedi foto di copertina o fondo pagina).

Si ma io non ho la macchina per fare la pasta.

In questo caso quello che occorre è un po’ di olio di gomito in più e una rotella da cucina o taglia pizza.
Stirate la pasta con un mattarello fino ad ottenere una sfoglia sottilissima di 1 massimo 2 millimetri.
Tagliate la pasta con la rotella da cucina dando la forma che preferite, per le tagliatelle la larghezza ideale è di 5/6 millimetri.
Spolverate con un po’ di farina e mescolate in modo che non si attacchi.

Cuoce in 3/5 minuti a seconda dello spessore ottenuto.

Trucco scoperto per caso
Se fra la prima e la seconda passata si lascia riposare la sfoglia per circa 1 ora, questa si asciuga un po’ e diventa più facile da ripassare nella macchina e le tagliatelle non si appiccicano una all’altra.