Share on Google+Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on Twitter

Si tratta di un secondo diffuso nell’italia centrale, sopratutto nel Lazio.
Questa variante alla classica ricetta non prevede l’aggiunta del pomodoro.

Tempo di preparazione: 30 min.

Per 2 persone:

  • 500 gr. di seppie, anche surgelate
  • 500 gr. di piselli (mi piacciono molto le verdure)
  • 3 o 4 mestoli di brodo vegetale
  • 1 cipolla bianca media
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1/2 bicchiere da tavola di vino bianco
  • Pepe nero macinato al momento
  • prezzemolo tritato q.b.
  • sale q.b.

Pulite le seppie, lavatele e tagliatele a listarelle. Se avete delle seppie surgelate vanno bene lo stesso e sono già pulite e tagliate.
Tritate finemente la cipolla e fatela dorare a fuoco lento in una padella.

Soffritto per seppie con piselli 01

Nel frattempo fate scaldare il brodo e preparate i piselli.
Unite le seppie al soffritto quando è ben dorato, quindi alzate la fiamma e dopo 1 minuto circa (di più se le seppie sono surgelate) aggiungete il vino bianco.
Una volta evaporato il vino aggiungete 2 o 3 mestoli di brodo e quando riprende il bollore coprite la padella e abbassate la fiamma.
Il tempo di cottura è di circa 15/20 minuti per le seppie surgelate e di una mezz’oretta abbondante per quelle fresche.
Durante la cottura controllate che il fondo non si asciughi troppo e nel caso aggiungete ancora un po’ di brodo.

Seppie e Piselli 02

A metà cottura circa aggiungete i piselli tenendo presente anche in questo caso che se si tratta di piselli surgelati cuociono in 5 massimo 10 minuti mentre se sono freschi necessitano di più tempo. Prima di richiudere il tegame aggiungete un pizzico di sale e una macinata di pepe nero fresco, mescolate e coprite di nuovo.
Quando sia le seppie che i piselli sono cotti, prima di spegnere il fuoco controllate che il fondo non sia troppo liquido. Nel caso fate andare per altri 2 o 3 minuti a fiamma viva scoperchiando la padella.
Aggiustate di sale e pepe nero, spegnete il fuoco, aggiungete il prezzemolo e servite in tavola.